La storia delle bretelle

Le bretelle come le intendiamo oggi nacquero nel 1736 e dunque da quasi 3 secoli sono un accessori di moda maschile. Rappresentano un modo stiloso per indossare i pantaloni e per tenere ferme nella maniera più giusta lo smoking. Le bretelle erano in principio un accessorio da tenere nascosto sotto il gilet, ma al giorno d’oggi possono anche essere messe in risalto, come per esempio fu fatto da Jort Kelder e soprattutto da Larry King.

 

La storia delle bretelle2

Addentriamoci ancora nei meandri della storia...

1736 Benjamin Franklin

Non poteva che essere altrimenti: proprio l’uomo che produsse infinite invenzioni, sia utili che inutili, Benjamin Franklin fu il primo uomo di cui abbiamo la certezza che indossasse bretelle, dette in America a quel tempo “Gallowses”. Fu proprio lui, il fondatore dei vigili del fuoco di Filadelfia, a instituire che l’uniforme avesse anche delle bretelle. Questa tradizione continua ancora oggi.

1792 Rivoluzione Francese

Durante il 1792 alla fine della rivoluzione francese, il popolo minuto cittadino cercava un modo di affermarsi. Cercavano infatti un proprio tratto distintivo nella moda, per potersi riconoscere a vicenda. Il movimento rivoluzionario più conosciuto si chiama infatti “Sanculotti”, Sans-Culottes. Queste culotte sono un tipo di pantaloncini, e i sanculotti erano chiamati così perché non indossavano questo tipo di pantaloncini, ma appunto dei pantaloni lunghi con bretelle. E perciò le bretelle divennero importanti per la moda del tempo e la richiesta nel mercato fu così grande, che vennero prodotti nuovi tipi di bretelle e vennero utilizzate nuove tecniche e nuovi materiali. Non solo si svilupparono queste cose, ma furono anche aumentati le possibilità di indossarle ai pantaloni. 

1800 Napoleone

Anche l’elite francese si lasciò sedurre dalle bretelle come testimoniano le bretelle di Napoleone. La passione napoleonica per la moda è rinomata. Fu proprio lui che permise ai soldati di indossare le sciarpe annodate in una maniera specifica (che oggi sono chiamate cravatte!). Dunque egli prese ad indossare le bretelle in una maniera elitaria per tenere su i propri pantaloni. Queste bretelle possedevano una trama specifica, con delle api da miele, in quanto erano il suo simbolo che denotava le sue origini corse. 


La storia delle bretelle-Napoleon

Immagine: Napoleone qui non indossa le sue bretelle. Lo vediamo invece con il precursore di quello che oggi è la cravatta. Fonte immagine: 

1820 Albert Thurston

Nell’anno 1820 il signor Albert Thurston aprì il proprio oramai famosissimo negozio di bretelle a Londra. La moda degli anni 20 del 1800 richiedeva pantaloni a vita alta che dunque rendeva la cintura scomoda. Thurston dunque aprì bottega a per la prima volta fabbricò bretelle come le conosciamo oggi noi. Le tradizionali bretelle britanniche Albert Thurston sono ancora amate dall'élite e dalla classe superiore. Tra la loro clientela vi sono, tra gli altri, re, principi, presidenti e star del cinema.

1835 Studenti di Leida

Nel 1835 le bretelle divennero estremamente popolari presso gli studenti di Leida, in Olanda. Il libro intitolato “vita da studente”, scritto dall’autore Klikspaan, nota la popolarità delle bretelle “Nel frattempo, la sua cravatta rossa giace sul tavolo a nuotare nel vino versato: le sue bretelle larghe, scivolate accanto a lui, galleggiano in qualcos'altro."

 La storia delle bretelle 2

Società leidense

L’immagine è presa del libro “vita da studente”. Il punto di vista della vita degli studenti leidensi. Nell’immagine lo studente a sinistra indossa pantaloni con bretelle. Fonte: http://www.janstroop.nl/artikelen/Bretels2.shtml

1871 Prima patente

Una delle prime patenti per bretelle fu istituita nel 1871 da Samuel Celemens, anche conosciuto come Mark Twain. La patente fu rilasciata precisamente per “Bande per indumenti allacciabili e rimovibili”. Queste bretelle potevano essere attaccate a quasi tutto, a mutande, corsetti e pantaloni.

1893 L’estate londinese

Una pagina nera nella storia delle bretelle. La famosa e terribile estate del 1893 a Londra. Per via della canicola gli operai si dovettero togliere le proprie giacche, col risultato che le bretelle divennero visibili, e questo non era affatto positivo poiché in quel periodo le bretelle erano associate alla vita da lavoratore. Una marea di persone in quell’anno lasciò a casa le proprie bretelle per non essere notato subito per strada come un poveraccio.

1894 Clip di metallo

Nel 1894 furono inventati i clip di metallo. Da allora non fu più necessario allacciare le bretelle ai pantaloni con una patta, ma la chiusura fu resa assolutamente più veloce con delle clip. Spesso queste clip hanno un bordo seghettato, che purtroppo causa loro di danneggiare la cintura dei pantaloni con un uso frequente.

1900 Pantaloni a vita bassa

Dato all’inizio dello scorso secolo i pantaloni a vita più bassa tornarono di moda, le bretelle presero ad essere indossate di meno ma non sparirono definitivamente dalla moda. Infatti, Humphrey Bogart continuò ad indossare molte bretelle nei propri film, e anche l’attore britannico Ralph Richardson. Quest'ultimo amava così tanto le bretelle che allo scoppio della seconda guerra mondiale si affrettò ad acquistarne rapidamente altre 6 paia.

1960 Skinhead britannici

Gli Skinhead inglesi adottarono le bretelle come parte integrante del loro guardaroba da lavoratore e divennero ben presto allacciate ai pantaloni jeans blu. Questo però non era molto comodo perché i jeans sono di un tessuto spesso che si allaccia male alle bretelle. Uno degli hooligans più conosciuti nella cultura popolare è Alex DeLarge (anche chiamato Malcolm MadDowell). Proprio lui indossava le bretelle nel film “Arancia Meccanica”. 

1980 Wall Street

Le bretelle ebbero il proprio comeback ufficiale negl’anni 80 del scorso secolo. I figli di papà di wall street desiderarono avere un look unico e riportarono di moda le care vecchie bretelle. Chi voleva avere un look furbo e leggero indossava infatti le bretelle, sia in vista sia nascoste sotto il gilet, non importava, ma invece era importante la scelta delle bretelle. Il materiale preferito era la seta, la tela oppure a volte il cotone. Nel film Wall Street del 1987 si può vedere Michael Douglas quasi senza bretelle.

1987 Larry King

Nella prima puntata di Larry King possiamo vedere il presentatore con il proprio look personale: Bretelle. Unicamente per motivi pratici, dato che dovevano tenere i pantaloni dopo aver perso molto peso a causa di un grave intervento al cuore. Sembra che fosse in possesso di non meno di 150 paia di bretelle. 

1990 fino ad oggi

Negl’anni 90 le bretelle furono indossate di meno, ma come qualsiasi altro pezzo di abbigliamento ha conosciuto cambiamenti di trends. L’icona hip hop Fonzworth Bentley si preoccupò di un ritorno di fiamma delle bretelle in America e altrove. E forse c’è riuscito. Adesso le bretelle sono di nuovo indossate nelle passerelle e nelle riviste di moda e non hanno solo più una funzione pratica per tenere fermi i pantaloni ma sono un fashion statement per l’uomo amante del bel vestire. 

fonti:

Internet:

  • janstroop.nl/artikelen/Bretels2.shtml
  • time.com/time/nation/article/0,8599,2037331,00.html
  • cadandthedandy.co.uk/wardrobe/the-history-of-braces-part-1/
  • albertthurston.com
Consegna veloce
Garanzia di rimborso entro 30 giorni
Dal 2004 il tuo partner in grandi quantità

Pagamento online sicuro

×